• Smart Bugs

Bruchi! Trucchi di sopravvivenza

Aggiornato il: 10 ago 2018

Le stime di sopravvivenza dei bruchi in natura? 1 su 100!

Eh si..Avete letto bene! Circa un bruco su cento in natura riesce a completare il suo ciclo vitale fino allo stadio di adulto.

Una delle principali ragioni è la presenza dei predatori come uccelli, animali invertebrati ed altri insetti.



Come fanno i bruchi a difendersi da questi predatori?

Nel corso dell'evoluzione hanno sviluppato molti meccanismi di difesa per riuscire a sopravvivere in natura e difendersi. Scopriamone alcuni:


Il Colore

Una delle caratteristiche che accomuna alcune specie è la colorazione molto accesa e sgargiante!


Il colore molto vivace e ben visibile denota la tossicità dell'animale, infatti i bruchi caratterizzati da una colorazione accentuata secernono delle sostanze chimiche più o meno tossiche per i loro predatori. Questo meccanismo di difesa è chiamato mimetismo aposematico e comunica un avvertimento in grado di tenere lontani i possibili nemici.



Maestri dell'inganno


La colorazione fortemente contrastata però non è sempre sinonimo di prede pericolose. Alcune specie hanno acquisito la capacità di imitare i colori e i comportamenti dei loro "colleghi" velenosi per ingannare i predatori i quali, credendo di avvicinarsi ad una preda realmente velenosa, decideranno di tenersi alla larga. Questo tipo di mimetismo viene chiamato batesiano e viene sfruttato anche dalle piante! Incredibile no? :D


L' Ophrys apifera assume le sembianze di una vespa per attrarre gli impollinatori

Quasi invisibili


Avrete capito quindi che tutte le forme di mimetismo hanno uno scopo funzionale. Vedete ad esempio come i colori del bruco qui sotto si confondono bene con il tronco del pino?

I bruchi sono anche dei perfetti imitatori dell'ambiente che li circonda, il mimetismo criptico è infatti il contrario degli esempi visti sopra, è la capacità di adattare la propria fisionomia all'ambiente, diventando quasi invisibile per i predatori.

Dendrolimus pini

Tattiche intimidatorie


Un comportamento molto comune, quando un bruco si sente minacciato è l'utilizzo di tattiche intimidatorie. Questo bruco della falena Stauropus fagi ad esempio solleva la sua testa e la coda da scorpione quando di sente minacciato.


bruco della falena Stauropus fagi

E voi quali bruchi strani avete visto in giro? :)


318 visualizzazioni

Smart Bugs s.s.

p.iva: 04659080263

Via Cave, 66

31020 Villorba (TV)

 

© 2014 by Smart Bugs s.s. Proudly created with Wix.com

 

Assistenza kit

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle
  • YouTube - Bianco Circle