• Smart Bugs

Un metodo naturale per eliminare le zanzare

Gli insetti più fastidiosi della stagione estiva sono tornati a far soffrire migliaia di Italiani e turisti che ogni anno ritornano nel “Bel Paese”.

Tormentano tutti noi durante le afose notti d’estate e non solo.

Ma cerchiamo di capire chi sono, come vivono, che malattie possono trasmettere e come si possono combattere senza l’ uso di sostanze chimiche nocive per noi e le nostre famiglie.


Chi sono?


Culex pipiens; la tipica zanzara presente nelle aree urbane e rurali. Preferisce nidificare in acque calde e stagnanti, si ritrova comunemente lungo i fossati cittadini e nei giardini.


Aedes albopictus; conosciuta anche come zanzara tigre, presente nelle aree urbane e suburbane dal 1990; infesta qualunque contenitore contenga acqua come le caditoie dei tombini, gli pneumatici usati, i sottovasi, le cavità negli alberi, le raccolte delle acque reflue e così via.


Come riconoscerle?


L’ adulto di Culex pipiens è di colore marrone-giallo scuro, senza macchie sulle ali o sulle zampe. Presenta delle bande chiare ai lati di ogni segmento dell’ addome.


L’ adulto di Aedes albopictus presenta linee bianche e nere sulle zampe e su altre parti del corpo (da cui il nome di zanzara tigre).


Cicli vitali e caratteristiche biologiche


Le femmine adulte di zanzara tigre sono attive principalmente nelle ore diurne, mentre la zanzara comune è attiva soprattutto dal tramonto all’alba. Queste pungono l’ uomo, gli altri mammiferi, e gli uccelli e grazie a questo pasto di sangue potranno deporre le loro uova.

Le uova sono deposte sulla superficie di raccolte d’acqua stagnante.

Dalle uova nascono delle larve che vivono nell’ambiente acquatico crescendo attraverso varie mute fino allo stadio adulto. Le larve riescono a respirare grazie ad un sifone respiratorio che esce dalla superficie del corpo d’ acqua.

Da queste larve dopo una/due settimane (ma anche solo dopo alcuni giorni se fa molto caldo) sfarfalleranno le future zanzare.


Quali malattie possono trasmettere?


In Italia, sempre più spesso all’ interno delle aree urbane, sono sempre più frequenti i casi di West Nile, Chikungunya e di vermi del genere Dirofilaria che infettano i nostri animali domestici (cani, gatti, etc...). Non a caso le zanzare sono gli animali che causano più morti a livello mondiale essendo i vettori del protozoo che causa la malaria.


Come combatterle?


Un nuovo metodo per contrastare le zanzare nei nostri giardini è la Trappola Aqualab, una trappola ecologica e priva di sostanze chimiche. Il sistema di funzionamento di questa trappola è quello di ricreare un ambiente ideale per la riproduzione delle zanzare. La trappola è costituita da un apposito contenitore in cui vengono inserite alcune pastiglie di materiale organico da sciogliere in acqua con funzione attrattiva e una stecca di masonite per fornire un supporto per la deposizione.

La trappola blocca il ciclo di moltiplicazione delle zanzare in quanto le larve una volta diventate adulte non riescono più ad uscire dal contenitore, comportandone la rapida morte. In questo modo si riduce drasticamente il numero di individui nell’ambiente circostante e le eventuali reinfestazioni. E’ consigliabile svuotare e ripulire la trappola ogni due mesi. Per migliorare l’efficacia della trappola si consiglia di eliminare altre fonti d' acqua stagnante presenti nei paraggi in modo da non creare competizione e posizionarla in luoghi in ombra o semi-ombra. E’ necessaria una minima supervisione del dispositivo poiché l’acqua deve essere mantenuta entro il livello indicato.

Dove acquistarla


La Trappola per zanzare Aqualab è disponibile sul nostro shop al seguente link:

https://bit.ly/2NZe5jH

11,386 visualizzazioni

Smart Bugs s.s.

p.iva: 04659080263

Via Cave, 66

31020 Villorba (TV)

 

© 2014 by Smart Bugs s.s. Proudly created with Wix.com

 

Assistenza kit

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle
  • YouTube - Bianco Circle